Pasquetta Experience 27,28 Marzo 2016

  • Durata: 2 giorni o giornata singola
  • Difficolt: Facile

 PASQUETTA EXPERIENCE 2016
Aritzo, 27 – 28 Marzo.
La Barbagia vista dall’interno.
Un bosco di profumi, sapori e tradizione.
La vostra pasquetta in viaggio: la montagna, tra percorsi di trekking, eco-tour culturali e un esclusivo itinerario enogastronomico per tappe, con degustazione di pietanze tipiche.

Domenica 27 marzo 2016
16 30 - Partenza da Cagliari e dintorni.
18 30 - Arrivo ad Aritzo e Sistemazione in B&b e strutture convenzionate.
19 00 - Partenza del tour "Sulle tracce del poeta", in memoria di Bachisio Sulis.
20 30 – ‘Ismurzu’ con prodotti enogastronomici locali e assaggio distillati artigianali.

Lunedì 28 marzo 2016
09 00 - ritrovo unico per partenza attività a scelta tra:
- tour culturale del paese tra sistema museale e chiesa, con successivo laboratorio della pasta fresca;
- trekking delle Neviere, sulle orme dei 'Biagiantes' del 1600;
- Lezioni di equitazione e escursione a Cavallo.

13 00 - ritrovo di tutti i partecipanti di rientro dalle attività ed aperitivo presso locale paesano con preparazione artigianale del formaggio, degustazione di vino e prodotti locali.

13 30 - Pranzo a scelta tra

- laboratorio artigianale in vecchia abitazione (pasta fresca, torrone, carapigna);
- Ristoranti paesani. Menu completo.

Pomeriggio libero.
17 00 Fine giornata – Partenze.



#Aritzo è uno splendido borgo montano alle pendici del Gennargentu. La sua posizione è perfetta per tutti gli amanti della montagna, sia coloro che amano lunghe passeggiate estive che per i più intrepidi scalatori invernali, passando per gli appassionati di mountain bike, trekking ed eventi enogastronomici. Il paese è anche uno scrigno ricco di sapere umano e di doni della natura: gli aritzesi sono maestri nell’intaglio del legno nonché creatori del gustoso sorbetto al limone detto ‘Carapigna’. A ciò si unisce l’indiscutibile titolo di capitale isolana delle castagne e nocciole. Densa l’eredità storica: l’Ecomuseo della Montagna sarda e del Gennargentu, le Carceri spagnole, la chiesa di San Michele Arcangelo e la casa padronale Devilla impreziosiscono una visita che non smetterà di sorprendere. In generale è consigliato un abbigliamento autunnale / invernale.



©2016 SardiniaTouristGuide - P.Iva 03202870923